Passa ai contenuti principali

In primo piano

I trasgressionisti

Avete mai provato a pensare che cosa succederebbe, se improvvisamente rinunciassimo tutti al rispetto dei principi della civile convivenza, al rispetto dell'autorità costituita, a tutte le convenzioni sociali che fin da bambini siamo stati educati a seguire? Se l'avete fatto, probabilmente siete anche voi dei Trasgressionisti.

Torna sugli scaffali Giorgio De Maria, autore sempre troppo dimenticato delle Venti giornate di Torino (di cui ho parlato su queste pagine alcuni mesi orsono), con la nuova edizione di un romanzo apparso nel 1968 e mai più ristampato. Atmosfere surreali, oniriche, spettrali accompagnano il narratore anonimo che descrive in prima persona il proprio Grande Salto. Così è definito, nella cerchia dei Trasgressionisti, l'apice della ribellione al comune senso del pudore: un passo definitivo, che non ammette ripensamento né ritorno.

Il protagonista è un giovane torinese, prossimo alle nozze con una ragazza borghese e "perbene". Per puro caso, egl…

Animali in giallo

Bella copertina per questo classico vattelapesca di Einaudi, dedicato ai racconti gialli i cui protagonisti sono animali.
La raccolta è gustosa e ricca, con una scelta di autori piuttosto classici. A parte l'insopportabile (per me) Edgar A. Poe con I delitti della rue Morgue, i racconti che mi sono piaciuti di più sono quelli conclusivi. Ad esempio La vespa, di Peter Lovesey, e Il serpente volante di Edward D. Koch.

Spendo una parola di elogio per La vedova e il pappagallo di Virginia Woolf, racconto fiabesco basato sul tema della pentola d'oro. Uno spunto tutt'altro che originale, ma sviluppato con un linguaggio asciutto e suggestivo.

Una raccolta di racconti brevi dal sapore molto british, perfetta per (ri)scoprire alcuni maestri del giallo tradizionale.

Commenti

Post più popolari