Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2018

In primo piano

Morire in primavera - recensione

Salutato come una delle più importanti opere tedesche nell'era post-Günther Grass, Morire in primavera è un racconto di crudo realismo sul significato della guerra. A ben vedere, la collocazione negli anni della Seconda Guerra Mondiale è piuttosto marginale: prevalgono qui il piano personale ed umano del coinvolgimento nel concetto stesso di conflitto armato come sospensione dei normali valori umani.

Nell'inverno del 1945, quando la Storia ha già scritto l'epilogo della tragica avventura nazional-socialista di Hitler e del suo Reich, Walter e Fiete sono due giovani ragazzi che lavorano in una fattoria nel nord della Germania. A diciotto anni, pensano alla ragazze e al futuro, mentre il "soldato Ivan" ha ampiamente valicato i confini orientali del Reich. Walter ha problemi agli occhi, non sa sparare con il fucile, mentre Fiete teme la chiamata alle armi. È ribelle all'autorità, risponde con lo sferzante "Drei liter" al nefasto saluto delle SS, e pro…

La matematica di un autore radiofonico

Ricordo di un professore

L'orsacchiotto

Il sorriso di Jackrabbit

Mia regina

Non mi sono immatricolato perché ero impegnato a divertirmi

Orrore (recensione)

Io resto qui (recensione)

Non devi dirlo a nessuno (recensione)

Il fondo della bottiglia (recensione)

Le venti giornate di Torino, di Giorgio De Maria

Immagina i corvi, di Luigi Sorrenti

L'Italia che riparte

Il diavolo nel cassetto

Bastardi in salsa rossa

Psicopatologia dei gruppi Facebook

Post più popolari