Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Vincoli

Anche i lettori più appassionati possono correre il rischio di lasciarsi sfuggire i libri più belli. Ringrazio pertanto Daniela G*, che al termine di una serata in pizzeria con colleghi di università e famiglie mi ha suggerito la lettura di Kent Haruf. Intendiamoci, negli ultimi anni avevo trovato i suoi romanzi sugli scaffali di molte librerie, ma per qualche ragione avevo frainteso praticamente tutto. Colpevolmente, mi ero fermato ai titoli e alle copertine, che evocavano nella mia mente scenari davvero diversi dalla realtà.

Come spesso accade quando non si seguono le mode editoriali, sono partito dal più recente volume di Haruf, che però è anche il primo in ordine cronologico. Vincoli (The tie that binds) risale infatti al 1984, ed è l'esordio dell'autore nel genere del romanzo. L'immaginaria città di Holt, Colorado, fa da sfondo al racconto di Sanders Roscoe, che parla in prima persona ad un cronista arrivato da Denver in cerca di rivelazioni succulente su un fatto di…

Ultimi post

La forza di gravità

Corniche Kennedy

La cattiva strada

Nel muro

O Roma o Cristo

La matematica di un autore radiofonico

Ricordo di un professore

L'orsacchiotto

Il sorriso di Jackrabbit

Mia regina

Post più popolari