Passa ai contenuti principali

In primo piano

La forza di gravità

Ecco, questo è un.libro che non avrei mai letto, se non fossi andato casualmente nella biblioteca comunale della mia città. Sono piuttosto scettico riguardo alla letteratura italiana contemporanea, ed evidentemente questo romanzo di Claudio Piersanti rientra pienamente nella categoria.

La trama è semplice, direi vagamente francese: Serena, la protagonista, ha diciotto anni e vive in una grande città (mai nominata, io ho pensato di riconoscere Roma da alcune descrizioni) insieme alla zia. Ha perso la madre da piccola, e il padre è sprofondato in una pigrizia maschile fatta di televisione e divano. La vita di Serena non è mai stata facile, avendo subito alcuni interventi di chirurgia estetica alla mandibola.
Nel suo stesso condominio vive il Professore, co-protagonista del racconto. È un tipo strampalato, sulla sessantina. Solitario, quasi misantropo, già docente di scuola superiore ed esperto di filosofia, trascorre giornate ripetitive tra letture impegnate e videogiochi sparatutto.

L…

Da Como, con (il mio) amore

Si fa presto a dire Como. Praticamente ci sono nato (non sottilizziamo, vengo dalla provincia ma sono solo 12 chilometri), e da vent'anni ci passo quasi tutte le domeniche e a volte anche altri giorni. Credo che non esista strada, vicolo o sentiero cittadino che i miei piedi non abbiano calpestato: se i sassi avessero un nome, li potrei salutare da vecchio amico.

E poi, addì 13 novembre dell'anno del Signore 2014, ho passato a Como una giornata con una persona speciale. La chiamerò F*, perché è una ragazza riservata. Sono tornato esattamente nei posti che conosco a memoria, eppure avevo la sensazione di essere là per la prima volta: i colori, i rumori, i monumenti, perfino il lago e le paperelle mi sembravano nuovi. Le foto qui sotto sono opera di F*.


Sarà un discorso bizzarro per uno scienziato, ma talvolta la mente vede quello che il cuore sente.

Commenti

Post più popolari