Passa ai contenuti principali

In primo piano

La forza di gravità

Ecco, questo è un.libro che non avrei mai letto, se non fossi andato casualmente nella biblioteca comunale della mia città. Sono piuttosto scettico riguardo alla letteratura italiana contemporanea, ed evidentemente questo romanzo di Claudio Piersanti rientra pienamente nella categoria.

La trama è semplice, direi vagamente francese: Serena, la protagonista, ha diciotto anni e vive in una grande città (mai nominata, io ho pensato di riconoscere Roma da alcune descrizioni) insieme alla zia. Ha perso la madre da piccola, e il padre è sprofondato in una pigrizia maschile fatta di televisione e divano. La vita di Serena non è mai stata facile, avendo subito alcuni interventi di chirurgia estetica alla mandibola.
Nel suo stesso condominio vive il Professore, co-protagonista del racconto. È un tipo strampalato, sulla sessantina. Solitario, quasi misantropo, già docente di scuola superiore ed esperto di filosofia, trascorre giornate ripetitive tra letture impegnate e videogiochi sparatutto.

L…

La casa dei fantasmi

La maggior parte delle storie di fantasmi sembrano scritte con la logica ⌘C-⌘V (copia&incolla), e questa non fa eccezione. Eppure ho letto questo libro di John Boyne con piacere.

La trama è, come detto, classica: la giovane Eliza Caine, londinese ventenne, resta improvvisamente orfana di padre. Non sopportando di vivere nella casa piena di ricordi struggenti, risponde ad un'offerta di lavoro come istitutrice di due bambini nel Norfolk. Solita villa nella campagna inglese, solita atmosfera sospesa e sottilmente inquietante.
Nella villa, apparentemente, vivono solo i due bambini: Isabella, la più grande, e il piccolo Eustace. Dei genitori non vi è traccia. Eliza prende a cuore il nuovo lavoro, ma eventi soprannaturali mettono a dura prova la sua stabilità.

Naturalmente non aggiungo ulteriori particolari sulla trama perché guasterei la sorpresa (?) di scoprirla leggendo il libro. Subisco da sempre il fascino dei racconti gotici in stile vittoriano, e questo di Boyne non è fra i peggiori. Si legge velocemente, l'autore è abile nel mantenere viva l'attenzione del lettore. Resta purtroppo quella sensazione di déja-vu che non tutti amano, fino all'ultima pagina: banale eppure inevitabile. Per appassionati del genere, senza troppe aspettative.

Commenti

Post più popolari