Fiabe e leggende della Carnia

Ero a Trieste, avevo appena comperato uno snack nel supermercato della stazione ferroviaria, e aspettavo l'ora per recarmi ad un appuntamento. Rosicchiando la mia barretta malsana e ipercalorica, lancio un'occhiata alla vetrina della (minuscola) libreria e vedo la copertina di questo libro di Raffaella Cargnelutti. Come mio solito, mi allontano; subito dopo torno sui miei passi e mi decido ad entrare. Ovviamente quando esco ho in mano il libro (tranquilli, l'ho regolarmente pagato!), e pochi giorni dopo comincio a leggerlo.

Arrivato alla fine, devo rendere pubblica una nota di delusione, perché questa simpatica raccolta di storie popolari della regione carnica (luoghi stupendi, da visitare) appare quasi "svogliata". Certo, qualche leggenda è saporita, altre sono romantiche, ma complessivamente l'autrice non è riuscita a creare un amalgama vincente.
La lettura non è tuttavia tempo sprecato, basta un po' di immaginazione e le parole sembrano uscire dalla bocca di qualche vecio seduto al tavolo di un'osteria con un bicchiere di vino in mano. Un libro carino, non di più.

Commenti

Post più popolari