Passa ai contenuti principali

In primo piano

La forza di gravità

Ecco, questo è un.libro che non avrei mai letto, se non fossi andato casualmente nella biblioteca comunale della mia città. Sono piuttosto scettico riguardo alla letteratura italiana contemporanea, ed evidentemente questo romanzo di Claudio Piersanti rientra pienamente nella categoria.

La trama è semplice, direi vagamente francese: Serena, la protagonista, ha diciotto anni e vive in una grande città (mai nominata, io ho pensato di riconoscere Roma da alcune descrizioni) insieme alla zia. Ha perso la madre da piccola, e il padre è sprofondato in una pigrizia maschile fatta di televisione e divano. La vita di Serena non è mai stata facile, avendo subito alcuni interventi di chirurgia estetica alla mandibola.
Nel suo stesso condominio vive il Professore, co-protagonista del racconto. È un tipo strampalato, sulla sessantina. Solitario, quasi misantropo, già docente di scuola superiore ed esperto di filosofia, trascorre giornate ripetitive tra letture impegnate e videogiochi sparatutto.

L…

Servilismo italico

Ogni volta che spiego ad un amico o un parente che talvolta ricevo un compenso aggiuntivo per aver tenuto corsi oltre un certo monte di ore, la reazione è: - Ma non ti pagano per quello?
Un caso vagamente paragonabile è emerso recentemente sulla stampa comasca, quando due dirigenti del comune di Como hanno avuto il premio di produttività per alcuni progetti presentati e attuati nell'ambito dei rispettivi uffici. È subito montato lo scandalo, perché "sono già pagati".

Ovviamente non parliamo dell'aspetto di legittimità, che solitamente è scontato (ci sono leggi e contratti di lavoro che sanciscono queste possibilità di retribuzione integrativa/premiale). Resta invece sul tavolo la questione sociologica: perché, mi chiedo, i più ferventi accusatori sono quasi sempre lavoratori del settore privato, ampiamente sottopagati?

Quando mi azzardo a ribattere che i miei doveri professionali non comprendono l'obbligo di espletare le mansioni che hanno maturato il compenso integrativo, parte la filippica: - Ma io, che lavoro nel privato, devo fare tutto quello che mi dice il capo, altrimenti perdo il lavoro!
Ecco: perché così tanti lavoratori italiani (di affermazioni simili sono pieni i commenti sui siti di informazione) si vantano di essere praticamente schiavi del datore di lavoro? Non ne prendono atto, ma esigono che tutti i lavoratori diventino altrettanto schiavi.

Questo atteggiamento fa il paio con un luogo comune sulla bocca di tanti: la rovina dell'Italia sono i sindacati. Se Marchionne lo dice in televisione, nesusno si stupisce. Ma se le stesse parole escono dalla bocca di operai e dipendenti, allora c'è qualcosa di sbagliato.
Anche al netto della (presunta) necessità di riforme del ruolo sindacale, e in modo speciale della necessità di tutelare i lavoratori meno garantiti dalle ultime riforme del lavoro, scandalizza il disprezzo di fondo.

Nel terzo millennio, una certa mentalità sociale rimpiange la servitù della gleba. E quella sinistra accoppiata di mutismo-e-rassegnazione che è l'anticamera del sottosviluppo.

Commenti

Post più popolari