Migrazione

Come avete visto, il mio blog è migrato da Wordpress.com a Blogger di Google. Se vi chiedete perché io l'abbia fatto, la mia risposta è che Wordpress.com (quello gratuito, non la piattaforma open source scaricabile da http://www.wordpress.org) è un po' limitativo. Inoltre, il mio sito ufficiale è già registrato come Google Apps ed ospitato da Google Sites. Quindi mi è parso coerente unificare il sistema di hosting anche del mio blog.

Per vostra informazione, ma anche per ricordarmi in futuro di quello che ho fatto per trasferire i vecchi post da là a qua, ecco un breve riassunto tecnico. Lo scrivo in inglese, nella speranza che qualche motori di ricerca lo indicizzi: le poche informazioni reperite non erano sufficienti, e ho dovuto smanettare un po'. Ma proprio poco, giuro!

How to migrate your wordpress.com blog to Blogger.


  1. Log in to your wordpress account, go to the dashboard and click on Tools.
  2. Export "all content" so a file on your computer.
  3. Visit http://wordpress2blogger.appspot.com but DO NOT USE the conversion tool. This partially works if your blog was really small.
  4. Visit http://code.google.com/p/google-blog-converters-appengine/ and download the file http://google-blog-converters-appengine.googlecode.com/files/google-blog-converters-r89.tar.gz
  5. Extract the tar.gz archive and navigate to the bin/ directory: you will find a bash script called wordpress2blogger.sh 
  6. In a bash shell, issue the command wordpress2blogger.sh wordpress-file.xml > blogger.xml 
  7. Log in to your Blogger dashboard and import the file blogger.xml
  8. Do not forget to check the option to publish your old posts. Do not forget that old links to wordpress pages will not be converted. Hence you will end up with broken links, if you delete your old Wordpress blog!

Commenti

  1. vedi che segui i consigli dei lettori, di cui io costituisco, se ho capito bene, il 100% :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto il tuo commento su wordpress. Tempo fa ho installato wordpress su peano.matapp.unimib.it proprio per imparare ad usarlo e con l'intenzione di usarlo come sito unico. Il bello di Wordpress è che puoi usarlo sia come blog che come sito statico, aggiungendo le pagine. La cosa antipatica è che il server peano.matapp.unimib.it sta invecchiando a vista d'occhio e non è facile amministrarlo come si dovrebbe. Ecco perché cerco un hosting gratuito esterno, che non si spenga quando gli operai staccano la corrente in dipartimento e che non mi faccia impazzire con gli aggiornamenti di sicurezza. Ho spostato il mio vecchio sito http://www.matapp.unimib.it/~secchi su http://www.siminore.info (che poi è Google Sites) anche per evitare che gli studenti mi sommergano di lamentele perché non sanno scrivere la tilde... Un mese fa ho provato a mettere tutto su wordpress.com ma gli account gratuiti hanno troppe limitazioni di spazio, così mi sono rassegnato a tenere la "vetrinetta professionale" su Google Sites, il blog su un hosting gratuito, e il materiale didattico su peano. Insomma, un gran casino.

      Elimina
  2. In realtà stavo disperatamente cercando di trovare un modo per importare i vecchi contenuti. Comunque grazie per i suggerimenti :-)

    RispondiElimina
  3. Non riesci a portare il materiale didattico su google sites?
    Te lo chiedo perché sto costruendo anch'io una vetrina professionale, però vorrei accorparla con la parte didattica
    (anche perché i server della Federico II lasciano un po' a desiderare).
    L'hostin gratuito su cui hai parcheggiato il blog sarebbe blogspot di google? Che interazione ha con google sites?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio impatto con Google Sites non è stato entusiasmante. Mi sembra un sistema imbalsamato, troppo rigido. In particolare non mi piaceva molto il caricamento dei file, perché io ho l'abitudine di chiamare testo.pdf e soluzioni.pdf rispettivamente il testo e le soluzioni dei miei temi d'esame. Ovviamente creo una directory per ogni appello. Con Google Sites non esistono le directory, quindi mi sono accorto che sovrascrivevo sistematicamente lo stesso file! Anche per questa ragione continuo a mettere i file su un server dell'università, e creo un link senza caricare l'originale su Wordpress o su Google Sites.
      L'interazione fra le varie piattaforme di Google non mi sembra eccelsa: direi che Sites e Blogger si ignorano completamente!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari